Bioarchitettura, al via la seconda edizione del Premio Nazionale per il recupero architettonico

Al via la seconda edizione del Premio Nazionale Bioarchitettura®. Costruire nel costruito, recuperare l’esistente. Il Premio ha origine dall’esigenza di attirare l’attenzione sull’importanza del recupero del patrimonio architettonico in Italia e di sensibilizzare le amministrazioni locali verso interventi rispettosi della qualità del costruire, dalla riscoperta di principi dimenticati, che fanno sì che oggi non sia più concepibile progettare in assenza di un credo ambientale e che non sia sufficiente progettare interventi eco-sostenibili e bio-compatibili, sottolineando l’importanza fondamentale delle relazioni con lo spazio e il tempo che i singoli interventi vengono a stabilire.
Progetto del nuovo e ristrutturazione dell’esistente non hanno differenze sostanziali se non la diversità di elementi fisici cui relazionarsi: al centro vi è la qualità sociale del vivere, l’appartenenza al luogo geografico e sociale, la salvaguardia del intreccio di relazioni stratificatesi attraverso il tempo nelle città. “…Basti pensare ai quartieri storici delle città italiane preziosissime, ai piccoli paesi con case magari vecchie, dove però la comunità vive serenamente, perché esiste la qualità delle relazioni, dei rapporti,che permette di realizzare luoghi accoglienti a cui le persone possano affezionarsi e che siano portati a conservare e migliorare, dove si sentono a casa, dove esiste un luogo con la sua cultura, immagine, tradizione, maniera di cucinare, il suo dialetto e la speciale relazione tra le persone, tutti segni comuni per potersi riconoscere come comunità, che può essere anche solo la ringhiera di un balcone o una finestra socchiusa”. (Ugo Sasso)

 

Uno degli elementi alla base del costruire è il dialogo con il contesto architettonico, paesaggistico e ambientale in senso lato. Scopo del Premio è quello di contribuire alla ristrutturazione e all’innesto di nuove qualità nelle nostre realtà territoriali dove le dimensioni contenute implicano maggior impegno culturale da parte delle amministrazioni e dei cittadini.
Le proposte presentate dovranno testimoniare nel loro insieme, ma anche attraverso un particolare costruttivo, la presenza di tale dialogo, teso anche a valorizzare ciò che il contesto già comprende, attraverso le ristrutturazioni, privilegiando la relazionalità espressa con gli spazi pubblici e semipubblici.

 

La partecipazione è aperta a progettisti liberi professionisti e/o istituzioni pubbliche (progettazione interna) che abbiano progettato, a partire da gennaio 2001, interventi di nuova costruzione o di recupero di edifici esistenti e che documentino particolare attenzione alla qualità delle facciate esterne con previsione di serramenti in legno di qualsiasi tipo che affrontino problemi di protezione e/o oscuramento e/o ventilazione e/o schermatura e/o produzione energetica, ecc. Detti serramenti, con particolare attenzione al clima mediterraneo, possono anche essere solamente progettati e non necessariamente realizzati, in sostituzione, perfezionamento e/o miglioramento di quelli adottati.

 

La domanda di partecipazione dovrà pervenire insieme alla documentazione del progetto partecipante al Premio entro il 30 novembre 2011 a:
IN/ARCH – Istituto Nazionale di Architettura
via Crescenzio 16, 00193 Roma

 

Scarica la domanda di partecipazione

 

Eventuali richieste di chiarimenti dovranno pervenire via e-mail entro il 30 settembre 2011 all’indirizzo: desk@bioarchitettura-premio.it.
Le risposte saranno pubblicate in una pagina specifica sul sito ufficiale del Premio.

 

Ai primi classificati saranno assegnati premi per una somma complessiva di 10.000 Euro (6.000 Euro al primo classificato, 2.000 al secondo e 1.000 al terzo). Inoltre, al progetto vincitore, che meglio comprende i caratteri e le relazioni espresse con gli spazi pubblici e semipubblici, con focus sulla finestra mediterranea, sarà garantita la realizzazione del serramento progettato conferendo una royalty sulla vendita per un periodo di 10 anni.

 

Il Premio, dedicato a Ugo Sasso, fondatore dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, è promosso da Bioarchitettura®, dall’Istituto Nazionale di Architettura IN/ARCH con il sostegno di LegnoFinestraItalia e dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili ANCE, con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, del Ministero per l’Ambiente, dei Consigli Nazionali degli Architetti e degli Ingegneri, del Fondo Ambiente Italiano.

 

 

Per il regolamento completo
www.bioarchitettura-premio.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico