Biennale di Venezia, The Space That Remains: riflessioni sulla seconda vita degli edifici

The Space That Remains: Yao Jui-Chung’s Ruins Series è la mostra allestita nell’ambito della serie di eventi collaterali della XIV Biennale di Architettura di Venezia che indaga la “seconda vita” degli edifici non attraverso la prospettiva di costruttori, utilizzatori o curatori, bensì dal punto di vista di un lettore.

 

La mostra attinge infatti dal lavoro del prolifico scrittore di arte, critico, fotografo, pittore e video artista Yao Jui-Chung (classe 1969) che ha avviato il progetto Ruins fin dai primi anni ’90.
Dal notevole corpus di fotografie in bianco e nero, tutte intense e poetiche, sono stati selezionati alcuni tra i lavori più conosciuti e un video, che mostrano ciò che resta delle strutture originali, gli edifici residenziali cinesi Han, esempio di architettura occidentale del diciannovesimo secolo, ed emblematiche rovine industriali come si trattasse di un’architettura del dopoguerra presente su di un’isola-prigione per dissidenti politici.

 

L’esposizione è stata organizzata dalla National Taiwan University of Arts ed è organizzata in sette gruppi che definiscono i temi maggiori della storia di Taiwan con l’intenzione di contribuire a creare una maggiore consapevolezza su una questione che è in realtà globale, ovvero come trattare con le strutture create dall’uomo che hanno cessato di essere usate dall’uomo stesso.


SCHEDA EVENTO
14. Mostra Internazionale di Architettura Fundamentals
The Space That Remains: Yao Jui-Chung’s Ruins Series


Organizzatore
National Taiwan University of Arts


Luogo
Istituto Santa Maria della Pietà
Castello 3701
Venezia


Periodo
7 giugno – 30 agosto 2014


Orari
10.00-18.00
aperture straordinarie: 
10.00-20.00 venerdì e sabato fino al 30 agosto
chiuso il lunedì


Per ulteriori informazioni
www.labiennale.org
www.pietavenezia.org
m.ntua.edu.tw/ntuaen/index.htm

 

Nell’immagine di apertura, una delle opere esposte. © Yao Jui-Chung

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico