Biennale di Venezia, l’architetto Juan Herreros ospite dei Padiglioni USA e Marocco

L’architetto spagnolo Juan Herreros sarà ospite alla XIV Mostra Internazionale di Architettura di Venezia al Padiglione USA e al Padiglione Marocco grazie a una serie di progetti sviluppati all’estero. L’architetto ha recentemente ampliato il suo studio di Madrid come step iniziale di una nuova fase internazionale della sua carriera insieme a nuovi giovani soci. Dal nuovo studio Herreros, un team di venti giovani architetti coordina progetti in Spagna, Norvegia, Francia, Marocco, Panama, Messico e Colombia.

 

Tra le attività organizzate dal Padiglione degli Stati Uniti, la Columbia University, dove Juan Herreros è Full Professor, ha organizzato una mostra dal titolo House Housing. An Untimely History of Architecture and Real Estate in Nineteen Episodes. La mostra sarà accompagnata da una tavola rotonda che si terrà presso la Fondazione Peggy Guggenheim, incentrata sul ruolo che la finanza e le regole del mercato immobiliare possono svolgere nello sviluppo di architettura di qualità.

 

La partecipazione dell’architetto spagnolo al Padiglione del Marocco nasce invece da un concorso di progettazione, vinto recentemente dallo studio Herreros, per la realizzazione di un isolato a destinazione commerciale e residenziale nell’ambito del progetto ANFA promosso dalla Municipalità di Casablanca.


Sin dalla sua fondazione nel 2005, lo studio Herreros Arquitectos è stato invitato a partecipare a diversi concorsi internazionali, tra i quali si è aggiudicato l’appalto per il Munch Museum a Oslo, il Conference Centre di Bogota (con Daniel Bermúdez), uno degli edifici del Plan EuroMed a Marsiglia, l’intervento residenziale ANFA a Casablanca, il Transport Interchange di Santiago de Compostela (con RAS) e il Zamora Energy Dome (con Francisco Mangado). Lo studio è stato due volte finalista al Premio Mies van der Rohe, due volte al FAD Award, al Construmat award, all’Architectural Record Award, al NAN award per il miglior progetto spagnolo all’estero per AgoraBogota, all’Urban Development Award della Biennale di Architettura Spagnola per il progetto Bjorvika in Norvegia, all’Applied Research Award della Biennale di Architettura Ibero-Americana, due volte al COAM Award per l’Hispasat headquarters e il Madrid Centre Strategic (con J. M. Ezquiaga e S. Pérez Arroyo) e all’European Union Grand Prix.
È candidato per il Crown Hall First Prize – Mies van der Rohe dell’Illinois Institute of Technology per la Panama Bank Tower recentemente completata a Panama City
.


Per ulteriori informazioni
www.estudioherreros.com

 

Nell’immagine, studio Herreros, vista del progetto per Casablanca, Marocco. Courtesy Pati Nunez Agency

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico