Biennale Architettura 2016: Architecture beyond architects, Catalonia in Venice

biennale architettura 2016 catalonia in venice

In risposta al tema “Reporting from the Front” dato dal direttore Alejandro Aravena alla Biennale Architettura 2016, l’Institut Ramon Llull presenta l’Evento Collaterale “Aftermath_Catalonia in Venice. Architecture beyond architects”, un progetto curato dagli architetti Jaume Prat e Jelena Prokopljević e dal regista Isaki Lacuesta, che attraverso installazioni audiovisive accende i riflettori su sette interventi architettonici di carattere pubblico selezionati come esempi virtuosi di un’architettura capace di migliorare le relazioni tra le persone ed il loro contesto urbano, sociale e naturale.

Le installazioni dei diversi progetti, che includono un ospedale, un parcheggio, un teatro e un’area naturalistica, restituiscono allo spettatore lo spazio architettonico nelle azioni quotidiane del fruitore finale che, una volta oltrepassata questa condizione, si trasforma in protagonista.

Il progetto suggerisce al visitatore di valutare la qualità dell’intervento architettonico da un punto di vista umano e sociale: le riprese, effettuate nel corso di vari mesi, mostrano visioni, brevi racconti e immagini delle persone che si relazionano con i sette progetti. Le installazioni favoriscono un’esperienza empatica e inducono lo spettatore ad analizzare e percepire l’architettura dal punto di vista di chi, vivendola, ne definisce il valore più profondo.

Come spiegano i curatori Prat, Prokopljević e Lacuesta, “Aftermath_Catalonia in Venice. Architecture beyond architects – riflette la ricerca sul valore dell’intervento architettonico dal punto di vista del suo utilizzo, nel momento in cui gli autori già non sono più presenti. Tutti gli interventi selezionati sono di carattere pubblico e condividono la capacità di integrare il paesaggio naturale, urbano e umano, estendendo la funzionalità architettonica verso la creazione del bene comune. I progetti sono il riflesso di un’architettura generata a partire della sensibilità verso il fruitore e ci servono per rivalutare quello che consideriamo architettura oggi. Sono spazi che ci obbligano a rivedere le convinzioni circa la nozione di architettura intesa come imposizione sul fruitore o soluzione univoca”.

Il progetto si prefigge di stimolare e interpellare il pubblico, attivando un processo di riflessione partecipativa. Coerentemente, anche l’allestimento della mostra mira a coinvolgere i visitatori facendo leva sull’approccio sensoriale dell’installazione artistica: le riprese di uno stesso progetto sono proiettate su differenti supporti vetrosi traslucidi che riflettono e fanno trasparire la complessità dell’interazione e dell’interrelazione tra uomo, architettura e società. Il pubblico è al tempo stesso visitatore e montatore, è chiamato a percorrere lo spazio della mostra e realizzare da solo il proprio editing finale.

Le architetture riprese nelle installazioni audiovisive sono tutti interventi pubblici firmati da architetti catalani, realizzati negli ultimi dieci anni: Riqualificazione ambientale del fiume Llobregat, Barcellona (2007-2015) di Batlle i Roig Arquitectes; Ospedale transfrontaliero della Cerdagna (2007-2012) di Brullet-Pineda Arquitectes (Manuel Brullet Tenas, Alfonso de Luna Colldefors, Albert de Pineda Álvarez); Torre Júlia. Alloggi con assistenza per anziani (2004-2011), a Barcellona, di Pau Vidal, Sergi Pons, Ricard Galiana; Teatro Atlàntida (2004-2010), a Vic, di Josep Llinàs, Josep Llobet, Pedro Ayesta, Laia Vives; Parcheggio Saint Roch (2012-2015), di Archikubik (Marc Chalamanch, Miquel Lacasta, Carmen Santana) a Montpellier; Centro per il servizio di distribuzione di alimenti – Campclar (SDA) (2014) di NUA Arquitectures (Maria Rius, Arnau Tiñena, Ferran Tiñena) a Tarragona; Can Batlló (2011 – in costruzione), a Barcellona, coordinata da LaCol – Cooperativa di architetti.

L’installazione include “Taulacreu”, tavolo disegnato da vora arquitectura (Pere Buil i Toni Riba), e la sedia “Biennale” un progetto dell’architetto Josep Ferrando sviluppato in collaborazione con Figueras.

Tutti i progetti in mostra sono stati realizzati negli anni peggiori della crisi economica del paese, quando sono sorte nuove esigenze di vita che solo una strategia architettonica più sensibile e inclusiva verso l’ambiente e gli abitanti riesce a comprendere. E nei casi citati, l’architettura ha dato risposte efficaci ad esigenze reali: la valorizzazione della componente umana e sociale, la creazione di nuovi ambiti per la comunicazione e l’interazione tra persone e ambiente, l’ottimizzazione delle risorse, la comprensione dei valori della comunità e il miglioramento delle condizioni d’uso, sono tutti elementi comuni ai progetti selezionati.

 

SCHEDA EVENTO
15° Mostra Internazionale di Architettura
La Biennale di Venezia
Eventi collaterali
Aftermath_Catalonia in Venice. Architecture beyond architects

Luogo
Cantieri Navali, Fondamenta Quintavalle
Castello 40, Venezia

Periodo
dal 28 maggio al 27 novembre 2016

Orari
dalle 10.00 alle 18.00
chiuso il lunedì (tranne il 5 settembre, il 31 ottobre e il 21 novembre)

Per ulteriori informazioni
www.aftermath.llull.cat

 

Nell’immagine di apertura, Montpellier, Parcheggio Saint Roch (2012-2015), Archikubik. Foto © Isaki Lacuesta

Scopri il programma dei Meetings on Architecture della Biennale Architettura 2016

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico