Bianco, luce e design

A Cosenza, sull’isola pedonale della città, è possibile ammirare l’originale museo all’aperto (Mab) di opere d’arte di grandi artisti contemporanei. In questo contesto, al secondo piano di un palazzo dei primi del ‘900, lo studio dell’architetto De Rito ha progettato lo studio medico odontoiatrico della dottoressa Simona Loizzo, medico chirurgo specialista in odontoiatria. Gli spazi sono stati disegnati con un rigoroso studio sullo spazio e sulla luce. Lo sforzo, ci racconta l’architetto De Rito, è stato quello di creare un’atmosfera che mettesse a proprio agio, deputata innanzitutto al confort psicologico dei pazienti, ma anche di tutto il team di lavoro che quotidianamente opera all’interno dello studio. Gli interni sono connotati da una progettazione monocromatica che caratterizza pareti, serramenti, sedute e cornici dei quadri; unici interlocutori cromatici per questo spazio evocatore di purezza e igiene sono il calore del legno raccontato dalla pavimentazione in legno e i soffitti con le travi a vista; anche i mattoni, messi in mostra in alcuni antichi elementi strutturali, evidenziano la memoria del manufatto. Diversi accessori in acciaio satinato completano lo studio.
Sottolinea Domenico De Rito: “La realizzazione di uno spazio, casalingo o lavorativo che sia, deve rispondere alla logica dell’esigenza. Solo un architetto capace sa captare, e attuare nella realizzazione, tale esigenza”.

 

La luce
I volumi dello studio si evidenziano nella bianca atmosfera di forme e la ricerca illuminotecnica assume una valenza figurativa, per dare nuove chiavi di lettura alle geometrie spaziali. Le sorgenti luminose sono a emissione indiretta e a basso consumo energetico. Una suggestiva illuminazione, con luci incassate nella boiserie in legno, percorre tutti gli spazi dello studio, sottolineando l’aspetto scenografico dell’elemento luce.

 

Il suono e la tecnologia
A garantire un maggiore confort e a diffondere un sottofondo musicale è stato progettato un impianto audio, che risulta gradevole durante le attese. Un sistema di domotica gestisce e comanda alcuni impianti, snellendo una serie di attività nello studio. Tutto ciò permette controllo e risparmio energetico, migliorando la qualità della vita durante le ore di lavoro.

 

Nell’immagine di apertura l’interno dello studio.
Foto: Luca Ippolito.

 

Giacomo Sacchetti
Articolo tratto da Dossier Habitat 39 Gennaio 2010

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico