Beni Culturali: puoi salvarli anche con il Censimento FAI 2016

Il_pensatoio_del_paradiso_Convento_Frati_Cappuccini_Monterosso_al_Mare_Cinque_Terre

Dal 17 maggio 2016 è aperto l’ottavo censimento architettonico, archeologico, artistico e naturalistico lanciato dal Fondo Ambiente Italiano, con la partnership di Intesa San Paolo, per riscoprire e salvaguardare i beni culturali “minori”.

Leggi anche l’articolo Valorizzazione dei Cimiteri Monumentali, il MiBACT firma un accordo

L’edizione di quest’anno è particolarmente importante perché dedicata a Khaled al-Asaad, direttore del sito archeologico di Palmira ucciso dall’Isis nell’agosto 2015 con l’unica “colpa” di non aver rivelato dove aveva fatto nascondere alcuni reperti romani. Questo a conferma del fatto che, come sottolinea il Presidente del FAI Andrea Carandini, la dedizione al patrimonio e la sua difesa non sono solo materia per le istituzioni ma riguardano direttamente gli individui.

L’iniziativa, intitolata “Luoghi del Cuore”, si è già affermata nel corso di questi ultimi anni, ma quest’anno arriva subito dopo quella del Governo, che, come abbiamo visto, ha creato un indirizzo di posta elettronica dedicato alla segnalazione da parte dei cittadini di uno o più beni culturali dimenticati che necessitano di recupero, restauro o reinvenzione. Il FAI considera l’iniziativa del Governo molto positiva, interpretandola anche come conferma del successo del loro censimento, evidentemente preso come modello.

Leggi anche l’articolo Capitale Italiana della Cultura 2018: candidate 21 città

Quest’anno il FAI punta a superare il numero di segnalazioni del 2014, un milione e 650 mila. Dal 2003 a oggi sono stati segnalati circa 33 mila siti in oltre 6 mila comuni italiani, da più di 3 milioni e 500 mila voti complessivi. Numeri che, come sottolinea Giulia Maria Crespi, presidente onorario del FAI, danno fiducia e confortano. Gli interventi di salvaguardia realizzati finora sono quasi 70.

Come tutti gli anni spettano riconoscimenti economici ai 3 siti più votati: rispettivamente 50, 40 e 30 mila euro. In più, quest’anno, i siti che avranno ottenuto più di 100 e 50 mila voti riceveranno rispettivamente 7 e 4 mila euro. Infine, 5 mila euro saranno destinati ai siti che avranno ricevuto più voti all’interno delle filiali Intesa San Paolo. Il sito con più voti via web vedrà invece la realizzazione di un video professionale a scopo di promozione turistica.

Oggetto delle segnalazioni devono quindi essere borghi, giardini, cappelle, anche spiagge, e per votare c’è tempo fino al 30 novembre. Visita il sito web dedicato iluoghidelcuore.it.

Leggi anche l’articolo Rischio sismico e tutela del patrimonio architettonico

 

Nell’immagine di apertura, Il “pensatoio” del Convento dei Cappuccini a Monterosso al Mare, primo classificato nel Censimento FAI 2014.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico