Premio per l'architettura contemporanea Mies van der Rohe, i finalisti dell'edizione 2013 - Architettura
Maggioli Editore

Premio per l'architettura contemporanea Mies van der Rohe, i finalisti dell'edizione 2013

La Commissione europea e la Fondazione Mies van der Rohe hanno annunciato i nomi dei cinque finalisti che concorreranno al Premio dell'Unione europea per l'architettura contemporanea Mies van der Rohe 2013. In totale 335 opere nei 37 paesi europei che partecipano al programma Cultura dell'UE erano state designate per partecipare al concorso. Una giuria di esperti ha selezionato la rosa dei finalisti. Il vincitore assoluto del Premio come anche il vincitore del Premio "Menzione speciale" per il migliore architetto emergente saranno proclamati a maggio, mentre il 6 giugno si terrà una cerimonia di premiazione presso il padiglione Mies van der Rohe a Barcellona, Spagna.


"Desidero congratularmi con tutti gli architetti che sono stati selezionati e in particolare con i finalisti. Abbiamo un enorme bagaglio di talenti nell'architettura europea che è un esempio luminoso del dinamismo dei nostri settori culturali e creativi. Nel contempo ci rendiamo conto però che l'industria dell'architettura si trova ad affrontare importanti sfide a causa del rallentamento dell'economia. La Commissione europea e la Fondazione Mies van der Rohe sono impegnate a sostenere questo settore che dà un importante contributo all'economia e alla creazione di posti di lavoro oltre a produrre opere di grande bellezza e a contribuire alla coesione della nostra società. Continueremo a sostenere l'architettura, anche attraverso questo Premio, per il tramite del futuro programma Europa creativa" ha affermato Androulla Vassiliou, Commissario europeo responsabile per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù.


I cinque finalisti sono


City Hall, Gand, Belgio
Robbrecht en Daem architecten | Marie-José Van Hee architecten
Anziché realizzare un semplice spazio aperto per ospitare eventi, gli architetti, attraverso il meticoloso posizionamento del mercato coperto, hanno voluto ricucire un vuoto urbano ripristinando l’antico tessuto storico divenuto irriconoscibile. L’edificio sembra assumere un atteggiamento di rispetto nei confronti degli edifici storici attraverso l’utilizzo del legno e dell’involucro in vetro che conferisce eterea lucentezza. Basso consumo energetico, materiali naturali e trasporto pubblico conferiscono un nuovo ruolo sociale al centro storico contribuendo all’insegna della sostenibilità.

 

Superkilen (parco urbano interculturale), Copenaghen, Danimarca
BIG Bjarke Ingels Group | Topotek1 | Superflex
Superkilen, uno spazio urbano di 30.000 metri quadri che attraversa uno dei quartieri più multietnici della Danimarca, è concepito come una sorta di collezione di oggetti provenienti da tutto il mondo che rappresentano in maniera diversa la molteplicità degli abitanti della zona, coinvolti direttamente nella scelta dei nuovi arredi. Percorsi pedonali e ciclabili, connessioni alla rete di trasporto locale, un'area per il mercato e spazi ricreativi all'aperto sono gli ingredienti  con cui il progetto ha saputo rispecchiare la nuova immagine multiculturale della zona.


Harpa - Sala concerti e centro conferenze di Reykjavik , Reykjavik, Islanda
Batteríid Architects | Henning Larsen Architects | Studio Olafur Eliasson
Situato al confine tra la terra e il mare, il nuovo National Concert & Conference Centre si staglia come una grande scultura luminosa che riflette sia il cielo che lo spazio del porto. Realizzato in vetro e acciaio secondo un sistema geometrico modulare dodecagonale, l’edificio sembra un gioco caleidoscopico di colori che si riflette nei più di mille moduli che compongono la facciata sud. Luce e trasparenza sono gli elementi chiave dell’edificio, smaterializzato come un’entità statica e ricettivo ai mutamenti prodotti dal suo ambiente contestuale per creare cambiamenti nel suo aspetto a seconda delle diverse angolazioni di visuale dalla città e dal mare.


Casa per anziani, Alcácer do Sal, Portogallo
Aires Mateus Arquitectos
Il progetto si basa su un’attenta analisi della vita di un tipo molto particolare di comunità, una sorta di micro-società con proprie regole. A metà tra un hotel e un ospedale, l’edificio aggrega una serie di spazi sociali e privati, rispondendo alle esigenze degli utenti finali. Il complesso, che sorge naturalmente dalla topografia definendo lo spazio aperto e organizzando l'intera trama dell’edificato, è costruito attorno alle relazioni che esistono all'interno di questa micro-società: le unità nascoste si combinano in un unico corpo e la distanza tra le unità indipendenti viene misurata in base alla ridotta mobilità degli abitanti, rendendo ogni spostamento un un'esperienza emotiva e variabile.


Metropol Parasol (spazio culturale e commerciale), Siviglia, Spagna
J. Mayer H.
Luogo iconico che identifica Siviglia come una delle città più dinamiche dal punto di vista culturale, il Metropol Parasol, installazione urbana in legno a forma di enormi funghi, protegge un sito archeologico e ospita un mercato, una piazza sopraelevata e diversi bar e ristoranti sotto ai grandi “ombrelloni” e una piazza panoramica in sommità, ricucendo città storica e città contemporanea.

 

Giunto alla tredicesima edizione, il Premio dell'Unione europea per l'architettura contemporanea - Mies van der Rohe consacra il contributo degli architetti europei all'affermazione di nuove idee e tecnologie nello sviluppo urbano. Inaugurato nel 1987 e cofinanziato dal programma Cultura dell'UE e dalla Fondazione Mies van der Rohe, il Premio di un valore di 60 000 euro è il più prestigioso nell'ambito dell'architettura europea. Esso è assegnato ogni due anni ad un'opera completata nel biennio precedente. Le opere candidate sono segnalate da esperti indipendenti di tutta Europa, dagli organismi membri del Consiglio degli architetti d'Europa, da associazioni nazionali di architetti e dal comitato consultivo del Premio.

 

I membri della giuria che hanno selezionato i finalisti per il 2013 sono: Wiel Arets, presidente della giuria/Wiel Arets Architects, Maastricht; Pedro Gadanho, curatore della sezione di architettura contemporanea, Museo d'arte moderna (MoMA), New York; Antón García-Abril, Ensamble Studio, Madrid; Louisa Hutton, Sauerbruch Hutton Architects, Berlino; Kent Martinussen, CEO, The Danish Architecture Center (DAC), Copenaghen; Frédéric Migaryou, direttore, Architecture & Design, Centre Pompidou, Parigi; Ewa Porębska, caporedattrice, Architektura-murator, Varsavia, e Giovanna Carnevali, segretaria della giuria/direttrice, Fundació Mies van der Rohe, Barcellona.


a cura di Federica Maietti


Per ulteriori informazioni
http://ec.europa.eu/culture
www.miesarch.com

 

Nell’immagine di apertura, Casa per anziani, Alcácer do Sal, Portogallo, Aires Mateus Arquitectos, vista esterna. Foto © FG+SG



Ti potrebbe interessare anche



Commenta l'articolo per primo!

Aumenta la dimensione del testo Diminuisci la dimensione del testo Stampa Invia a un amico

Questo articolo è stato inserito il 04/02/2013 nella categoria Architettura, letto 4815 volte



Categorie di articoli



Articoli correlati dal Network dei Professionisti Tecnici



Architetti.com e Maggioli Editore collaborano con

Associazione Arredo Urbano Agaphe Ambiente

 
 
 
 
Confronta le migliori polizze su Assicurazione.it Risparmia 500€ sulla tua RC Auto
Le migliori compagnie
su Assicurazione.it
Scegli il miglior finanziamento casa su Mutui.it Risparmia 15000€ sul tuo mutuo casa
Le migliori banche
su Mutui.it
Trova il finanziamento che fa per te su Prestiti.it Risparmia 2000€ sul tuo prestito
Le migliori finanziarie
su Prestiti.it
 
chiudi x

Iscriviti alla newsletter EdiltecnicOnline

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su Iscriviti


Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati

NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.