Arte contemporanea. Sviluppo urbano e società, Arcipelago Balkani a Sarajevo

Dopo i progetti site specific presentati nelle città di Modena (Italia), Skopje (Macedonia) e Tirana (Albania), il viaggio Arcipelago Balkani giunge alla sua quarta e ultima tappa approdando a Sarajevo (Bosnia Herzegovina) dal 29 settembre al 15 ottobre con la presentazione della pubblicazione Arcipelago Balkani. An Alternative Map, la mostra delle opere del progetto Open City e la conferenza Public Dialogues.
A vent’anni dallo scoppio della guerra nei Balcani (nell’estate del 1991) il progetto vuole indicare un percorso rivolto non più al passato – teatro di guerre e di lacerazioni – bensì al futuro di questo enorme e giovane cantiere oggi rappresentato dall’area Balcanica.

 

La tappa di Sarajevo sarà l’occasione per presentare in anteprima mondiale la pubblicazione Arcipelago Balkani. An Alternative Map (Silvana editoriale), un viaggio verso i ‘Nuovi Balcani’, in cui viene analizzata la vita culturale contemporanea delle città e della gente attraverso gli occhi di artisti, studenti, scrittori, in collaborazione con le istituzioni locali. Un programma intenso, due anni di lavoro e di ricerca, di scambi e riflessioni, partendo dalla situazione di tre città studio: Skopie (Macedonia), Tirana (Albania), Sarajevo (Bosnia). Il progetto analizza la contaminazione tra arte contemporanea, sviluppo urbano e fenomeni sociali.
La pubblicazione Arcipelago Balkani. An Alternative Map, a cura di Claudia Zanfi, raccoglie testi, fotografie, mappe di teorici che hanno indagato e raccolto testimonianze dirette nei paesi dei Balcani, oltre a diari di viaggi alternativi narrati attraverso l’esperienza di artisti internazionali.

 

La conferenza Public Dialogues si propone di esaminare e indagare gli spettri del passato ma con uno sguardo orientato verso un futuro nuovo, diverso e alternativo, con interventi dei vari invitati che hanno contribuito al cambiamento culturale dei Balcani Occidentali, grazie alle dinamiche di comunicazione e collaborazione che si sono sviluppate tra essi. Durante il dibattito l’artista bosniaco Igor Sovilj racconterà e mostrerà immagini del suo viaggio in bicicletta da Dresda a Prijedor. Circa mille chilometri percorsi tra passato e presente, tra racconti della gente e storia, tra confini cancellati e nuovi nomi di città.
All’incontro, che si configura come un dialogo e mappatura delle realtà culturali indipendenti attive in Bosnia, parteciperanno ABART, Centro Culturale Abrasevic, Mostar; Biennale di Konjic e di Kultzona; collettivo MUM, Mostar Urban Movement, Mostar; CID, Center for Informative Decontamination, Banja Luka; Tac.ka, Associazione di artisti, Prijedor; Duplex Gallery, Sarajevo e altri.
Aderisce all’evento la prestigiosa fondazione culturale Open Society Balcani, impegnata a organizzare una serie di iniziative e progetti per ricordare il ventennale, riconoscendo e promuovendo gli sforzi della trasformazione positiva nella regione Balcanica.

 

Interventi di:
Dunja Blazevic, direzione SCCA, Sarajevo;
Daniele Onori, responsabile culturale Ambasciata d’Italia, Sarajevo;
Igor Sovilj, artista e attivista culturale, Prijedor;
Claudia Zanfi, direzione aMAZElab Art&Cultures, Milano.

 

Infine verrà presentata al pubblico la mostra dei 30 artisti internazionali invitati a partecipare al progetto Open City: Marina Abramovic, Albanian Pavillion, Alterazioni Video, Balkan Depot / Tomislav Tarek, Pavel Braila, Yane Calovski, Danica Dakic, Calin Dan, Biljana Djurdjevic, Group Elementi (Biljana Isijanin and Ljupco Isijanin), Thomas Hirschhorn, Hristina Ivanovska, Armin Linke, Rasa Todosijevic – Marinela Kozelj, Borjana Mrdja, Oliver Musovik, Vladimir Nikolic, Damir Niksic, Adrian Paci, Anton Petrov, Tadej Pogacar, Stefano Romano, Massimo Sciacca, Shoba, Igor Sovilj, Biljana Stefanovska, TooA / Cogni – De Mattia, Zaneta Vangeli, Srdjan Jovanovic Weiss. L’installazione, realizzata con fotografie, mappe e disegni, rappresenta un grande mosaico che raccoglie le idee, le emozioni, i ricordi degli artisti che sono stati invitati a ripensare e investigare il complesso territorio dei Balcani.

 

SCHEDA EVENTO

 

Arcipelago Balkani Sarajevo
Public dialogues

 

Periodo
29 settembre-15 ottobre 2011

 

Opening giovedì 29 settembre 2011
Ore 17-19 | Symposium e presentazione del libro “Going Public. Arcipelago Balkani”
Ore 19-21 | Inaugurazione della mostra con aperitivo

 

Luogo
spazio Kriterion Art House
Obala Kulina Bana 2
71000 Sarajevo

 

Un progetto
aMAZElab Art&Cultures, Milano

 

Idea e direzione
Claudia Zanfi

 

In collaborazione con
Sarajevo Center for Contemporary Art (SCCA); Open Society

 

Con il contributo di
Commissione Cultura Comunità Europea; Ambasciata Italiana, Sarajevo; Regione Emilia Romagna, Ufficio Promozione Culturale Estera.

 

Media Partners
Artribune; Osservatorio Balcani e Caucaso; Teknemedia; Studio Pesci

 

Con il patrocinio di
MiBAC, Ministero Beni Artistici e Culturali, Roma

 

aMAZElab
via Cola Montano 8
20159 Milan, Italy
Tel./Fax +39 02 6071623
E-mail: info@amaze.it
www.amaze.it

 

 

Nell’immagine di apertura, Igor Sovilj, Ponte Vecchio a Mostar, 2010. Courtesy the artist and aMAZElab, Milano

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico