Arte contemporanea, al via il progetto espositivo ‘Arte Povera 2011’

Da settembre 2011 apre al pubblico la mostra-evento Arte Povera 2011 a cura di Germano Celant, che si svolgerà contemporaneamente, fino ad aprile 2012, in diversi e importanti musei e istituzioni culturali attraverso l’Italia, nelle città di Bari, Bergamo, Bologna, Milano, Napoli, Roma e Torino.
L’iniziativa, che ha come fulcro il movimento nato nel 1967 con gli artisti Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Marisa Merz, Giulio Paolini, Pino Pascali, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini e Gilberto Zorio, presenta su scala nazionale e internazionale, gli sviluppi storici e contemporanei di questa ricerca distribuendo le varie fasi e i singoli momenti linguistici in differenti luoghi: dal Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea di Rivoli-Torino, alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, dalla GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, al MADRE Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina di Napoli, dal MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, dalla Triennale di Milano al Teatro Margherita di Bari.

 

L’intera operazione, per l’ampiezza dei contenuti, per il numero delle istituzioni coinvolte – otto tra musei e enti culturali – ha le caratteristiche di un fatto eccezionale e si può considerare il progetto espositivo più importante mai realizzato su un movimento chiave dell’arte contemporanea italiana. Nella storia delle grandi mostre internazionali questo evento, dal forte impatto espositivo e mediatico, avrà la peculiarità di svolgersi per circa sette mesi in simultanea in diverse città, funzionando anche da connettivo per il sistema museale nazionale. Sarà composto da un numero impressionante di installazioni ambientali d’Arte Povera, circa 250 datate dal 1967 al 2011, affiancate dalla presentazione di un contesto internazionale testimoniato dalla selezione di 50 opere di artisti europei e americani, insieme a un corollario di sezioni dedicate ai linguaggi della fotografia, del video, del libro e del teatro. Il tutto dispiegato in spazi il cui totale si aggira intorno ai 15 mila metri quadrati, tra architetture museali e contesti urbani, disposto su un percorso che comprende l’Italia dal Nord al Sud toccando le città di Torino, Milano, Bergamo, Bologna, Roma, Napoli e Bari.

 

Insieme ai singoli responsabili dei musei e delle istituzioni, il curatore Germano Celant ha concepito un arcipelago di mostre che mettendo insieme un alto numero di opere storiche e recenti, si propone come un viaggio nel tempo dal 1967 al 2011, attraverso diverse situazioni architettoniche e ambientali, relativo agli avvenimenti nazionali e internazionali che hanno avuto come protagonisti gli artisti dell’Arte Povera.
Arte Povera 2011 si avvale dei prestiti dei maggiori musei e delle più importanti fondazioni, dedicate ai singoli artisti in Italia e all’estero e ha il fine di coagulare l’attenzione su una ricerca visuale che è stata riconosciuta, insieme al Futurismo, quale importante contributo all’arte nel mondo.
La finalità è di esporre l’intero percorso del movimento tramite un circuito di musei italiani d’arte moderna e contemporanea che, coinvolgendo 7 grandi città, si pone simbolicamente come un insieme rappresentativo del 150mo anniversario dell’Unità d’Italia. Un’importante rete museale coordinata e articolata per un’unica mostra-evento sull’Arte Povera: una sinergia all’interno della quale i singoli musei o istituzioni presentano una prospettiva operativa diversa e specifica che ne riflette l’identità, quanto le collezioni.

 

I promotori dell’evento, il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e la Triennale di Milano, si sono assunti il compito di produrre le mostre riguardanti le relazioni internazionali e l’intero arco storico dell’Arte Povera mentre le altre istituzioni si sono impegnate in una presentazione specifica così da creare nell’insieme una lettura complessa e articolata dell’intera ricerca.
Presso il Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea si tiene la mostra Arte Povera International che inaugura l’8 ottobre. Nelle sale della residenza sabauda le opere storiche dei protagonisti del movimento sono a confronto con altrettanti capolavori di artisti della scena internazionale dell’epoca.

 

A Milano dove non si è mai tenuta in precedenza una grande antologica sull’Arte Povera, la Triennale ha colto l’occasione per presentare, dal 24 ottobre, Arte Povera 1967-2011 che copre l’intero arco della ricerca, dalla sua nascita alle più recenti manifestazioni. La mostra si compone di due parti: la prima, dedicata alle opere storiche realizzate dal 1967 al 1975 circa e che segnano l’esordio linguistico dei singoli artisti, è allestita al piano terra, nella Galleria dell’Architettura disegnata da Gae Aulenti. La seconda, ospitata nei grandi spazi aperti del primo piano del Palazzo, aspira a documentare lo spirito fluido e spettacolare delle imponenti opere realizzate dai singoli artisti dal 1975 al 2011.

 

Arte Povera 1968 che ha aperto al pubblico dal 24 settembre al MAMbo prende spunto dalla mostra storica tenutasi alla Galleria de’ Foscherari di Bologna nel 1968 e dal dibattito critico che ne è seguito. Oltre a opere esposte in quell’occasione e ad altre che testimoniano il tipo di attività svolta nel momento preso in considerazione, viene presentata una selezione di materiali – cataloghi, libri d’artista, manifesti, inviti e documenti realizzati a partire dalla fine degli anni sessanta – relativi a questa ricerca e i suoi contributi linguistici.

 

La Chiesa di Santa Maria Donnaregina, una tra le maggiori testimonianze di epoca medievale a Napoli e ora parte del MADRE, è l’alveo della mostra Arte Povera più Azioni Povere 1968 e fa riferimento alla rassegna internazionale dallo stesso titolo, tenutasi presso gli Arsenali di Amalfi nell’ottobre del 1968. L’esposizione prevede un rimando a quella manifestazione tramite lavori e interventi d’artista sullo stesso contenitore storico che testimoniano la situazione creativa venutasi a formare a partire dall’evento amalfitano.

 

A Roma Arte Povera 2011 si scandisce in momenti differenti che coinvolgono la Galleria nazionale d’arte moderna e il MAXXI, dove il 6 ottobre viene presentato Omaggio all’Arte Povera che comprende grandi installazioni di Kounellis e di Zorio, poste in parallelo con un’opera permanente di Penone situata nel museo. I tre lavori sintetizzano, nel loro dialogo fra elementi artificiali e naturali, la ricerca alla base di questo percorso artistico e si relazionano con il complesso sistema spaziale del museo.
A seguito di un radicale riordinamento delle collezioni del museo in occasione del suo centenario, la Galleria nazionale d’arte moderna riapre al pubblico dal 7 dicembre proponendo Arte Povera alla Gnam, un nucleo di approfondimento su Pino Pascali, con una selezione di 20 sue opere dalla collezione, completato con un allestimento di opere di Boetti, Fabro, Paolini, Penone, Pistoletto, Kounellis e Zorio.

 

Nella prospettiva di un’attività futura che intende porsi a confronto con le manifestazioni culturali prodotte sul territorio museale italiano, il Comune di Bari ha pensato di collegarsi al grande evento Arte Povera 2011, realizzando una mostra nel Teatro Margherita, dal titolo Arte Povera in teatro che prende avvio a partire dal 15 dicembre. Per l’imponente spazio, il team curatoriale ha selezionato una serie di lavori emblematici del gruppo dell’Arte Povera, che si relazionano con il luogo, segnato da un devastante incendio e in via di definizione funzionale e culturale. Le opere dei singoli artisti entreranno infatti in dialettica con la struttura dell’edificio ancora grezza e indefinita dell’atrio, delle balconate, delle verande e delle scale.
A Bergamo, in Arte Povera in città, coordinata dal GAMeC gli interventi degli artisti saranno inseriti e si integreranno nel nucleo urbano dell’antica città coinvolgendola e riconsegnandola in una prospettiva inaspettata in cui i monumenti, i chiostri, le torri e le porte d’accesso di Bergamo Alta, funzioneranno come eco di risonanza dell’arte contemporanea. Saranno presentati, tramite il coinvolgimento diretto degli artisti, lavori recenti, se non totalmente nuovi, ideati appositamen¬te per i luoghi scelti, così da offrire una lettura intensa sia del linguaggio visivo sia del contesto ambientale e architettonico.

 

Per ulteriori informazioni
www.artepovera2011.org

 

Nell’immagine di apertura, Michelangelo Pistoletto, Venere degli stracci, 1967. Cemento, mica, stracci, cm 150 x 280 x 100 / 150 x 280 x 100 cm. Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli. Photo © Paolo Pellion

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico