Arredo urbano, CitySi realizza la prima Coop ecosostenibile

Il 22 settembre 2011 a Conselice, in provincia di Ravenna, ha aperto la prima eco Coop, supermercato del futuro, con il quale Coop Adriatica ha realizzato un nuovo modello di punto vendita sostenibile. L’edificio riduce del 40% i consumi energetici e le emissioni inquinanti grazie a bioarchitettura, impianti fotovoltaici, sistemi di recupero di acqua e calore, proponendo così una spesa a basso impatto ambientale.

 

Per questa nuova avventura Coop Adriatica ha scelto CITYSI per alcuni complementi di arredo urbano. Tutto ciò in linea con la scelta di CITYSI di contribuire alla crezione di una città positiva, fruibile da tutti, godibile agli occhi, comoda in ogni occasione.

 

CITYSI nasce dall’esigenza di dare all’arredo urbano un valore; panchine, fioriere, cestini, pensiline, sono utilizzati nella vita di tutti i giorni, oggetti d’arte che ciascuno di noi può usare, vedere, vivere. Vivere la “città positiva” significa è la ricercare la dimensione domestica al di fuori dello spazio circoscritto della casa.
CITYSI entra nel mercato dell’arredo urbano con nuovi prodotti, che uniscono un eccellente design a un background di grande esperienza nella lavorazione dei materiali. Quelli di CITYSI sono oggetti di arredo attuali, particolari e attenti ai contemporanei modi di vivere la città e utilizzare i suoi spazi.
Gli spazi pubblici delle città sono la “casa fuori casa” e, di conseguenza, devono essere confortevoli e belli da usare, sia che ci si trovi in un contesto cittadino, una piazza o un centro commerciale, sia che si decida di essere immersi nella natura di un parco.
I prodotti CITYSI sono realizzati interamente in Italia con materiali resistenti: acciaio italiano certificato e legni di pregio sono lavorati secondo i più alti standard qualitativi destinati a resistere a lungo nel tempo.

 

Tra i prodotti dell’azienda, Coop Adriatica ha scelto per il supermercato del futuro:
Babel, cestino: l’ispezionabilità visiva del contenuto è il punto di partenza nella progettazione di questo cestino, pensato per i luoghi sensibili. L’essenzialità e la pulizia sono i suoi punti di forza: il cestino è dotato di una chiusura laterale semitrasparente, con rete stirata che contiene il sacco e ne rende visibile il contenuto, ed è chiuso superiormente da un piatto in acciaio di protezione contenente il portacenere;
Baby Herman, cestino da palo: una sottile lamina di acciaio disegna un cestino cilindrico dalla capienza di 40 litri, rendendolo funzionale ed esteticamente puro. Nella sua semplicità si presenta estremamente curato in ogni dettaglio. Il cestino può essere sostenuto da una struttura in acciaio oppure può essere montato mediante anelli di ancoraggio ai classici pali per la segnaletica stradale.
Pitagora, rastrelliera: interamente realizzata in acciaio sagomato al laser da un’unica piastra, questa rastrelliera usa il triangolo come forma di base, scomponendosi nei classici pieni e vuoti che permettono l’ancoraggio delle biciclette. Ogni sua piastra si piega e si inclina sfalsando così la geometria del disegno e rendendolo unico nel suo genere.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico