Architetture Quotidiane: Hong Kong a Venezia

L’Ordine degli Architetti di Hong Kong e il Consiglio per lo Sviluppo delle Arti di Hong Kong organizzano, nell’ambito degli eventi collaterali della 12. Mostra Internazionale d’Architettura della Biennale di Venezia, l’esposizione “Architetture Quotidiane: Hong Kong a Venezia”, a cura di Juan Du, fondatore dello studio IDU_Architecture e Assistente Professore presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Hong Kong.
La mostra, in programma fino al 21 novembre 2010 a Venezia – Campo della Tana, Castello 2126 (ingresso Arsenale), mira a esplorare e a sfidare la capacità del design di realizzare architetture responsabili sul piano sociale e ambientale per la vita di tutti i giorni.

 

Ispirati dalla frase colloquiale cinese per indicare le necessità quotidiane (i quattro ideogrammi rappresentano abbigliamento, cibo, abitazione e trasporto), “Architetture Quotidiane” invita architetti, artisti, attivisti, educatori, industriali ed enti governativi a riconsiderare le scelte individuali che ciascuno di noi compie ogni giorno. Ciò che indossiamo, ciò che mangiamo, il luogo in cui viviamo, il modo in cui viaggiamo, quello che impariamo e il modo in cui trascorriamo il nostro tempo libero, sono decisioni apparentemente semplici ma che contribuiscono collettivamente alla definizione dell’ambiente e al benessere della città. Attraverso l’esposizione di progetti collaborativi e interdisciplinari che affrontano sei aspetti delle necessità individuali quotidiane – abbigliamento, cibo, abitazione, trasporto, educazione e tempo libero – “Architetture Quotidiane” dimostra come il design possa creare architetture responsabili sia sul piano sociale che su quello ambientale.

 

La compressione degli spazi e la diversità sociale della popolazione di Hong Kong, hanno prodotto una città complessa dalle forme urbane estreme in cui le necessità quotidiane vanno affrontate con fervida creatività. Progetti che utilizzano il design per interagire con l’ambiente urbano in tutti gli aspetti della vita quotidiana, rappresentano dunque la creatività di Hong Kong alla Biennale di Venezia di quest’anno. Per ognuno dei progetti esposti, architetti hanno collaborato con un professionista di altri settori a testimoniare il potenziale e la necessità della collaborazione nel processo creativo del design.

 

“Architetture quotidiane” aspira a proporre un dialogo internazionale sulle odierne strategie architettoniche per uno sviluppo urbano sostenibile, riconoscendo la città come un complesso ecosistema comprensivo non solo di risorse naturali, ma anche di comunità sociali, network economici e attività culturali. L’architettura non è un albero. Il pensiero architettonico deve avventurarsi oltre le applicazioni tecnologiche “green” e considerare le questioni sociali, le identità culturali e i modelli di comportamento umano. I designer devono avere la sensibilità di riconoscere i ritmi quotidiani del vivere, per comprendere appieno l’ecologia della città e creare architetture responsabili.

 

Presentata dall’Hong Kong Institute of Architects e dall’Hong Kong Art Development Council, “Architetture Quotidiane” si apre con la partecipazione alla 12. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia a partire da agosto 2010, a cui seguirà una mostra a Hong Kong nel 2011, e si concluderà con una mostra itinerante nella Cina continentale. L’intento è di creare una piattaforma di dialogo continuo tra professionisti dello sviluppo sostenibile, architetti e visitatori delle mostra in Europa e in Cina. Queste esposizioni rappresentano un’opportunità per esplorare e condividere i contributi che il design può apportare a coloro che vivono nelle architetture della nostra città. Dopo tutto, le “persone si incontrano nell’architettura”.

 

Juan Du, Curatore della mostra

 

SCHEDA EVENTO

Architetture Quotidiane: Hong Kong a Venezia

 

Periodo
27 agosto 2010 – 21 novembre 2010

Luogo
Arsenale, Campo della Tana, Castello 2126
30122 Venezia

 

Istituti Organizzatori
Ordine degli Architetti di Hong Kong
Consiglio per lo Sviluppo delle Arti di Hong Kong

Curatore
Juan Du

 

Team Curatoriale
Mary Chan
Margherita Errante
Giulia Foscari
Chad McKee

 

Progetti partecipanti

ABBIGLIAMENTO
1. Clad
davidclovers + C.E.B. Reas
2. Underwear: Les dessous de la Biennale
Map Office + Sun Hing Industries

 

CIBO
3. Scatola di riso aperta
Urban Rethink Tank + Craig Au Yeung
4. Ecologia rurale-urbana
Joshua Bolchover, John Lin + HKU-CPW + Kadoorie Farm

 

ABITAZIONE
5. Armonia nella città densa
Hong Kong Housing Authority + Michael Wolf
6. Sistemi seriali
Ocean.CN + CAD + Rocker-Lange Architects

 

TRASPORTO
7. Strade elastiche
William Lim + Philip Yung
8. Thermallmeter
Adam Frampton, Jonathan Solomon, Clara Wong + Clean Air Network

 

EDUCAZIONE
9. La nostra “via” creativa
Rocco Design Architects + HKICC School of Creativity
10. Campus compatto
Office for Metropolitan Architecture + Chu Hai College

 

TEMPO LIBERO
11. Il paesaggio di Wetland Park
Urbis Ltd + MET Studio + Wildfowl & Wetlands Trust
12. Demolizione come Costruzione
RAD + Greg Girard

 

PROGETTO SPECIALE
13. SP Hong Kong Arts: immaginando il futuro
West Kowloon Cultural District Authority + Foster and Partners, Office for Metropolitan Architecture, Rocco Design Architects

 

Nell’immagine di apertura, Armonia nella città densa, Hong Kong Housing Authority + Michael Wolf

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico