Architettura verticale e green, Vetiverticalcity a Shanghai

Vetiverticalcity è il progetto ecosostenible di un giovane architetto italiano, Eugenio Aglietti, che con la proposta per un grattacielo “al vetiver” ha partecipato a Sckyscraper 2013, il concorso bandito dal magazine digitale eVolo per raccogliere le idee più innovative (e stravaganti) nel campo dell’architettura verticale.

 

Aglietti immagina un progetto pilota per un grattacielo nell’inquinatissima Shanghai, città che detiene il primato cinese di emissioni di biossido di carbonio, un edificio la cui superficie esterna venga ricoperta di Chrysopogon zizanioides, pianta comunemente nota con il nome di vetiver. Da sempre apprezzata per il suo profumo viene oggi promossa in chiave green nell’ambito del Vetiver System (VS), una serie di applicazioni rivolte all’ambiente e alla conservazione del suolo che viene impiegata per stabilizzare pendii, frenare l’erosione, controllare l’inquinamento dell’aria e dell’acqua. Tutte queste proprietà sono contenute nelle radici del vetiver, estremamente penetranti e capaci di assorbire metalli pesanti contenuti nel terreno, come arsenico, piombo, nichel e zinco trasformandole in sostanze nutritive per la crescita della pianta.

 

Aglietti si chiede dunque se questa pianta, conosciuta anche come pianta dei miracoli, ha queste fantastiche proprietà perché non usarla dunque anche nel campo dell’architettura sostenibile?
Il grattacielo Vetiverticalcity, un edificio di 410 metri altezza ubicato tra il fiume Huangpu e il quartiere Luwan, giusto di fronte all’area che nel 2010 ospitò l’Expo, ambisce quindi a conciliare ecosostenibilità, densità e verticalità. Una montagna artificiale ricoperta da 280  mila piante di vetiver, che assorbiranno il biossido di carbonio e saranno alimentate da una sistema di condotti per il recupero delle acque piovane e la trasformazione delle acque reflue che potranno essere in seguito essere rimesse in circolo ad uso domestico.
L’adattabilità climatica della pianta di vetiver lascia ipotizzare che questo sistema sia riproducibile in molti paesi del mondo e offre uno spunto progettuale che coniuga tecnologia e natura.


a cura di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
Vetiverticalcity
Concorso Skyscraper 2013 – eVolo


Luogo
Shanghai


Progettista
Eugenio Aglietti


Per ulteriori informazioni
www.evolo.us

E-mail: eugenio.aglietti@gmail.com

 

Nell’immagine di apertura, render del progetto Vetiverticalcity. © Eugenio Aglietti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico