Architettura temporanea: Timber café, il ristorante pop-up

Un ristorante pop-up che può essere montato in una sola giornata, questa l’idea dello studio giapponese BAKOKO, che propone una struttura temporanea completamente smontabile e trasportabile in un container dalle dimensioni standard.

 

La struttura è stata concepita con uno sguardo alla sostenibilità: architettura (le pareti) e arredo (sedie e tavoli) vengono ricavati dagli stessi pannelli di legno dello spessore di 250 mm, larghi tre metri e lunghi fino a 16. I pezzi del puzzle vengono intagliati in ciascun pannello in base ad una sequenza progettata a CAD che minimizza gli sprechi di materiale e ottimizza gli incastri tra le superfici.
Una volta estratti i pezzi per comporre gli arredi, le aperture si trasformano nelle finestre del ristorante. La struttura, che è completamente autoportante e non necessita di fondazioni, all’occorrenza può essere smontata e reimballata per essere spedita ad una nuova destinazione.


BAKOKO è uno studio di architettura emergente con sede a Tokyo. Fondato nel 2009 da Kayoko Ohtsuki e Alastair Townsend conosciutisi alla Architectural Association di Londra dove si sono laureati, lo studio si caratterizza per un approccio flessibile ai vari temi progettuali con una forte connotazione multiculturale e internazionale che fa in modo che le nuove idee non vadano “lost in translation”.


a cura di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
Timber café


Luogo
ovunque


Progettisti
BAKOKO

 

Progetto
2010


Per ulteriori informazioni
www.bakoko.jp


Nell’immagine di apertura, render del Timber Café. © BAKOKO

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico