Architettura, paesaggio, restauro: i vincitori di Archiprix Italia 2015

Sono stati proclamati lo scorso 4 dicembre 2015 i progetti vincitori di Archiprix Italia 2015, bandito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, edizione italiana di Archiprix International che premia, a cadenza biennale, le migliori tesi di laurea nel campo dell’Architettura, dell’Urbanistica e Architettura del paesaggio e del Restauro architettonico.

Per la sezione Architettura vince il progetto Il verde oltre le sbarre. Progetto di un istituto a custodia attenuata nell’antica miniera di Grottacalda a Enna, di Angelo Monteleone; per la sezione Urbanistica e Paesaggio La Città Antica di Taranto, dal degrado alla rivitalizzazione. Spazi e Architetture lungo l’asse portante della struttura urbana di Elisabetta Montenegro; Costruire con le rovine. La riqualificazione urbana delle piazze Neumarkt ed Altmarkt a Dresda di Lorenzo Riccò ed ex equo GALFA: Progettare un carcere verticale affacciato su Milano di Luca Mazzoni e Giulia Pace sono i progetti vincitori nella sezione Restauro.

Due Menzioni d’onore sono state inoltre assegnate per ciascuna delle tre sezioni ai progetti: “Genova, con una nuova Torre” di Stefano Bertuccelli e “Jerusalem among people: Givati Archaeological Park” di Giovanna Celeghin; “Asse didattico e di servizi pubblici a Cisterna di Latina” di Emanuela Fiorucci e “Jesolo – area “Central Park”. Centro per la conoscenza del territorio” di Melissa Vicini; “Restauro del corridore al giardino dei semplici nel Palazzo Ducale di Mantova” di Marco Barbato e Federico Munaretto e “Il restauro del castello di Massafra” di  Davide De Leo, Francesco Cardone, Tiziana de Gennaro, Giuseppe Gallo De Marinis, Anna Maria de Palma e Silvia Manginelli.

Oltre ad agevolare l’introduzione di giovani progettisti di talento nel mondo della professione il Premio, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, MIBACT, in questa sua quarta edizione – con oltre trecento partecipanti – ha avuto come fine quello di far luce sul rapporto che l’architettura ha, può e deve avere con i valori del territorio, dell’ambiente naturale, delle dinamiche sociali ed economiche e della produzione di beni e servizi.

Un completamento, dunque, dei temi della sostenibilità e della rigenerazione urbana che hanno caratterizzato le ultime due edizioni, quella del 2010 e quella del 2013.

Il Premio è organizzato dal Dipartimento Europa ed Esteri del Consiglio Nazionale degli Architetti.

Per ulteriori informazioni
www.archiprixitalia.it
www.awn.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico