Architettura nel deserto: ‘Desert Rose’, studio Archea

A otto chilometri dalla città di Salalah, seconda, in ordine di grandezza, del Sultanato dell’Oman ed importante centro di attrazione turistica della regione, si trova Desert Rose, il progetto dello studio italiano Archea per un business hotel di lusso.

 

Il sito gode di un clima particolare, dovuto alla prossimità del mare e alla protezione derivante dalla catena montuosa retrostante che favoriscono una vegetazione rigogliosa che qui si ritaglia in un’oasi quadrangolare circondata da palme.
L’oasi, fiancheggiata da uno specchio d’acqua salmastra posto a separazione dalla strada a grande scorrimento che collega il porto all’aeroporto, stabilisce la forma dell’edificio, giocato sulla composizione di quadrati concentrici formanti una sommatoria di vuoto/pieno, derivante direttamente dalla tradizionale architettura locale.

 

I punti cardine del progetto, concepito come hotel business semplice e al tempo stesso complesso, possono essere sintetizzati in poche componenti che ne delineano le caratteristiche.
L’edificio, a corte, è sospeso da terra grazie a quattro appoggi posti in corrispondenza dei vertici del quadrato. Il piano terra, libero all’attraversamento e all’apertura verso il territorio circostante, ospita una piscina e una serie di vuoti circolari fonte di luce per lo spazio sottostante e si collega ai diversi livelli del complesso attraverso cinque collegamenti verticali: una scala elicoidale permette di scendere al livello interrato, i quattro piloni strutturali di appoggio per l’anello superiore ospitano internamente vani scala e ascensori che portano ai due piani delle camere.

 

Il piano interrato, di ingresso al complesso, è raggiungibile esternamente attraverso un percorso pedonale e carrabile fiancheggiato da preziose cascate d’acqua; l’ambiente, unico e dedicato ai servizi comuni, è caratterizzato da stanze circolari con sala da ballo, auditorium, sala conferenze e spazi di servizio
Le camere, circa 180 organizzate su due livelli, si sviluppano secondo due anelli, uno circondante la corte e uno esterno a questa, entrambi chiusi verticalmente da moucharabieh ceramici a diverse scale di grandezza, fissi verso l’esterno e montati su pannelli scorrevoli internamente alla corte.

 

a cura di Simona Ferrioli

 

SCHEDA PROGETTO

 

Desert Rose

 

Luogo
Salalah, Oman

 

Progettisti
Studio Archea
Laura Andreini, Marco Casamonti, Giovanni Polazzi, Silvia Fabi

 

Superfici
superficie lotto: 15.651 mq

superficie costruita: 9.360 mq

 

Progetto
2012-2013

 

Per ulteriori informazioni
www.archea.it

 

Nell’immagine di apertura, vista dall’alto dell’edificio. © Archea

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico