Architettura museale e rigenerazione urbana: i nuovi progetti nell’Archivio di architetti.com

Sono disponibili nuovi progetti nell’Archivio di architetti.com, il catalogo on-line che consente la navigazione all’interno di centinaia di progetti e realizzazioni suddivisi per categorie: spazi intimi (design, arredamento, ecc.), spazi urbani (piazze, parchi, ecc.), spazi pubblici (musei, municipi, uffici, ecc.), spazi residenziali (case a schiera, isolate, tipologie ibride, torri residenziali, ecc.). Ogni progetto è composto da schede descrittive e visualizzazioni per immagini, e la banca dati permette un’indicizzazione per autore, anno di realizzazione, luogo e tipologia. Il catalogo si arricchisce giorno per giorno sia con gli inserimenti di tutti gli architetti che visitano il sito e che offrono la loro disponibilità di pubblicazione, sia con le proposte partecipanti a prestigiosi premi di architettura, quali il Premio Internazionale Architettura Sostenibile, il premio IQU (Innovazione e Qualità Urbana), il Premio Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ecc.

 

Per consultare l’archivio progetti devi fare solo una cosa: iscriverti al sito. Iscriviti ad Architetti.com. È gratis.

 

I nuovi progetti disponibili, in particolare, riguardano:
architettura museale: dal China Wood Sculpture Museum di MAD Architects, un edificio lungo 200 metri caratterizzato da una sinuosa facciata metallica che emerge dal piatto landscape urbano di una tranquilla e densa zona residenziale della città cinese di Harbin, al Museum for Architectural Drawing, Berlino, dello studio russo SPEECH, la cui facciata è un tributo al disegno architettonico attraverso incisioni grafiche e immagini di edifici di varie epoche che si trasformano in finestre o oggetti architettonici veri e propri, un elegante omaggio all’architettura, al gesto della sua creazione e al linguaggio che la contraddistingue, fino al Museo de la Semana Santa, di Exit Architects, progetto vincitore del concorso bandito dalla municipalità di Hellin per creare nel centro della città un nuovo edificio che inglobasse al proprio interno il restauro del vecchio edificio della “Casa del Conde”, convertendo la facciata da elemento costruttivo a oggetto decorativo;

– l’intervento di MVRDV su un vuoto urbano creatosi dopo la seconda guerra mondiale nella piazza del mercato della cittadina olandese di Schijndel: la Glass Farm è un tributo alla cultura rurale che ricostruisce l’immagine composita di una “fattoria tradizionale tipica” attraverso l’applicazione di immagini fotografiche sulla facciata di 1800 metri quadri dell’edificio che ospita ristoranti, negozi e un centro benessere interamente racchiusi da una struttura vetrata;
– la proposta dello studio iraniano Tarh O Amayesh per una nuova moschea nella città di Pristina, progetto partecipante al concorso bandito dalla Comunità Islamica del Kosovo, che emerge dal tessuto urbano circostante come luogo del “divenire” in cui il concetto di movimento e la tensione verso il cielo si delineano nella forma stessa dell’edificio, definita da direttrici curve che richiamano il simbolo della cupola e tradotta in elementi strutturali che incarnano il concept stesso del progetto;

Hathigaon. Case per elefanti e loro custodi dell’architetto Rahul Mehrotra dello studio RMA Architects, progetto vincitore della X Edizione del Premio Internazionale Architettura Sostenibile, uno straordinario esempio di sostenibilità sia alla scala paesaggistica, sia architettonica che individua un modello di sviluppo insediativo dalle elevate qualità sociali realizzando un nuovo insediamento per 100 elefanti e per i loro custodi nella regione arida dello Rajasthan, nel nord-ovest dell’India riqualificando un territorio devastato dallo sfruttamento indiscriminato delle cave di sabbia che divengono bacini per la raccolta dell’acqua piovana, risorsa estremamente preziosa e strumento fondamentale di riqualificazione dell’intero intorno territoriale in termini ambientali e microclimatici.

 

Nell’immagine, vista del progetto del Museum for Architectural Drawing, Berlino, dello studio russo SPEECH

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico