Architettura, materia e preesistenze: Centro Ceramico Santa Ana, af6 Arquitectos

Il Centro Ceramico Santa Ana, a Siviglia è il risultato di un processo storico in cui la colonizzazione dello spazio non è avvenuta secondo un disegno preciso ma si è sviluppata per addizione, in modo da soddisfare le esigenze produttive che sono emerse nel tempo.
Il progetto di riqualificazione e conversione a museo proposto da af6 Arquitectos prende atto di questo processo e si pone come un’ulteriore addizione che aggiunge valore alla coesistenza di tutte le varie fasi.

 

Il Centro Ceramica di Triana, il quartiere di Siviglia in cui sorge, si inserisce nella trama complessa del tessuto cittadino, ricreando un paesaggio urbano interno. I nuovi spazi adattano la loro altezza e forma agli edifici esistenti, si insinuano tra il costruito cercando di non alterare il profilo architettonico di Triana: nessuna nuova facciata, il complesso è destinato ad essere un dono da scoprire, una volta che si ha dentro.

 

L’edificio è organizzato come un percorso continuo, come una passeggiata tra le fornaci del vecchia fabbrica; l’accesso avviene all’angolo di Calle San Jorge e via Callao, lo spazio pubblico si intrufola dentro l’edificio, la prima fornace è visibile dalla strada e segnala timidamente l’ingresso.
La narrazione del processo produttivo ceramico viene effettuata mediante l’uso di diversi elementi in ceramica inseriti nel contesto originale; un viaggio labirintico tra i forni e gli spazi della vecchia fabbrica racconta al visitatore la storia della ceramica tradizionale a Triana. Il progetto segue un metodo “archeologico” che non cancella le tracce del tempo e dello spazio
(fumo, disordine, mattoni, legno e sparse), sono tutti elementi che costituiscono una parte di questo patrimonio da raccontare.

 

Al primo piano si trova la nuova area espositiva, uno spazio sospeso celato da elementi in cotto. Si tratta di un volume separato che segue una logica opposta a quella al piano terra che è destinato ad essere un labirinto collegato al suolo, mentre il piano superiore ha una struttura indipendente che definisce un percorso ordinato e regolare.

 

Infine, al centro del lotto, emerge un vecchio edificio a due piani con pareti in laterizio: questo è il luogo dove gli artisti della ceramica dipingevano e verrà ora utilizzato per ospitare mostre temporanee.


a cura di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
Centro Ceramico Santa Ana


Luogo
Siviglia, Spagna


Progettisti
af6 Arquitectos
Miguel Hernández Valencia, Esther López Martín, Juliane Potter, Francisco J. Dominguez Saborido, Gonzalez Aguilar


Cronologia
2009-2013


Per ulteriori informazioni
www.af6.es


Nell’immagine di apertura, vista di uno scorcio del Centro Ceramico Santa Ana. Foto © Jesús Granada

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico