Architettura, inaugurato il Palacongressi di Rimini dello studio gmp

Si è tenuta lo scorso 15 ottobre l’inaugurazione del Palacongressi di Rimini su progetto di von Gerkan, Marg and Partners Architects (gmp), che hanno progettato anche la Fiera di Rimini, completata nel 2010. Il complesso è costituito da quattro aree distinte che contengono sale di diverse dimensioni disposte su due livelli.

 

Il centro del complesso è occupato dalla sala più grande, della superficie di circa 4800 mq e collocata al piano terra. Questa sala multifunzionale, che ha un’altezza interna di 12 metri ed è circondata da un anello destinato a contenere gli impianti tecnici, gli spazi per gli interpreti e i servizi di gestione, è dotata di partizioni costituite da pareti scorrevoli a tutt’altezza in modo da poter a sua volta essere suddivisa in spazi di diverse dimensioni. La superficie complessiva dello spazio, che può contenere 4700 persone, può essere divisa in molte diverse combinazioni di piccole sale conferenze e spazi espositivi. La sala gode dell’illuminazione naturale esterna grazie a una serie di lucernai a forma piramidale.

 

Un foyer vetrato a forma di “U” circonda questo spazio, oltre a fungere da collegamento con le altri parti del Palacongressi. Questo grande spazio inondato di luce grazie alla copertura vetrata a un’altezza di 12 metri serve da zona di distribuzione e accesso alle diverse sale, oltre a fungere da ingresso contenente tutte le indicazioni circa le conferenze e le mostre in corso.
La parte settentrionale del piano terra ospita due sale della capacità di 300 e 600 persone, che possono essere suddivise, le cucine e un foyer separato. Il piano superiore contiene una sala con 300 posti fissi a sedere, distribuiti su più livelli, e due sale supplementari della capacità di 90 e 120 posti.
Si accede alla parte meridionale attraverso un cortile interno con una copertura vetrata, che può essere utilizzato anche per mostre ed esposizioni. Similmente alla zona settentrionale, questa parte del Palacongressi comprende sale conferenze di medie dimensioni distribuite da un proprio foyer al piano terra e, al primo piano, quattordici piccole sale conferenze che possono contenere dalle 40 alle 120 persone, e sale riunioni.

 

L’ingresso principale al Palacongressi è situato lungo il parco a est, ed è caratterizzato dalla particolare forma a conchiglia. Sopra di esso sorge l’anfiteatro semicircolare, la cui forma richiama il teatro romano di Rimini: la hall semicircolare, con 1600 posti a sedere disposti a tribuna, può essere divisa al centro ed è provvista di un palco permanente. Le aree di servizio comprendono stanze accessorie come spogliatoi e servizi ristorazione.
Sotto l’ingresso principale è collocato il guardaroba centrale, accessibile attraverso una rotonda e scale dalla forma che richiama una spirale. La fontana collocata al centro della rotonda e al centro dell’anfiteatro contiene, in posizione centrale, la “perla”, la più grande sfera in pietra d’Europa, avvolta da una pellicola d’acqua, a richiamare il fulcro della conchiglia, la forma alla quale l’edificio di ingresso è ispirato.
Il Palacongressi richiama altri “pattern”, linguaggi e colori locali, come il colore del bagnasciuga delle spiagge lungo l’Adriatico, il blu-turchese e il verde del mare.

 

Il centro congressi, attualmente il più grande d’Italia, segue un concept innovativo, poiché unisce spazi per conferenze e a luoghi per mostre ed esposizioni; allo stesso tempo costituisce un progetto urbano pilota per un centro culturale previsto sul lato opposto della strada e che include una sala concerti progettata da Mario Botta. Il sito dove sorgeva la precedente sede espositiva è stato trasformato in un’area verde con un lago che si estende al di sotto del nuovo ponte, lungo l’esteso parco che si collega con il centro della città.

 

Lo studio gmp è stato protagonista, recentemente, di una serie di importanti progetti e realizzazioni, soprattutto in Cina: ha ricevuto infatti l’incarico della realizzazione di un centro finanziario a Nanjing, dopo essersi aggiudicato il primo premio al concorso di progettazione, ha realizzato l’Universiade Sports Center e lo stadio Bao’an, inaugurati lo scorso agosto, e lo Shanghai Oriental Sports Center, inaugurato nel luglio 2011 e ha progettato il recupero e ampliamento del Chinese National Museum di Pechino, aperto nel 2010.

 

a cura di Federica Maietti

 

SCHEDA PROGETTO
Palacongressi di Rimini

 

Committente
Società del Palazzo dei Congressi, Rimini

 

Progetto
Volkwin Marg

 

Partner
Joachim Zais

 

Project leader
Stephanie Joebsch

 

Staff
Matias Otto, Mike Berrier, Heiko Thiess, Dominik Reh, Malte Wolf, Dirk Tietgen, Radmilla Blagovcanin, Renata Dipper, Arne Starke, Hito Ueda, Nicole Loeffler, Carlo Mardersteig, Marco Vivori, Matthias Holtschmidt, Peter Radomski, Kai Beckmann, Monika Sallowsky, Vita Römer

 

Contact architect
cfk_architetti, Venezia, Clemens F. Kusch

 

Responsabile del progetto
gmp Generalplanungsgesellschaft mbH, Amburgo

 

Landscape design
Studio Land, Milan

 

Superfici
Lorda fuori terra: 30.700 mq
Lorda sotto il livello del terreno: 21.800 mq

 

Posti a sedere complessivi
9.000

 

Cronologia
costruzione: 2007–2010

 

Per ulteriori informazioni
www.gmp-architekten.de

 

Nell’immagine di apertura, vista dal Parco Ausa del Palacongressi di Rimini di von Gerkan, Marg and Partners Architects (gmp). Foto © Marcus Bredt

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico