Architettura in ‘Delirious New York’, la proposta di Rem Koolhaas

A molti anni di distanza dalla leggendaria pubblicazione dell’opera Delirious New York, Rem Koolhaas torna nella Grande Mela con un nuovo affascinante grattacielo. Il progetto ha partecipato al concorso bandito dalla compagnia L&L Holding Company e Lehman Brothers Holdings Inc. (LBHI) per la realizzazione della nuova torre per uffici al numero 425 di Park Avenue, competizione che ha visto prevalere la proposta di Lord Foster.

 

A Manhattan la normativa riguardante lo zoning prescrive per gli edifici commerciali una forma a cui sembra non siano possibili alternative: la piramide allungata. Rem Koolhaas, come spesso accade, ragiona per intersezioni – tra quella che definisce un’ortogonalità esaurita e un immaturo uso di forme curvilinee – e propone tre cubi sovrapposti di dimensioni diverse, di cui l’ultimo ruotato di 45 gradi rispetto ai precedenti.
I volumi sono collegati da superfici curve in modo da riflettere il cielo e la città circostante in maniera cangiante attraverso l’alternanza di spazi tridimensionali e forme piane.


Koolhaas definisce il proprio progetto “altamente artistico ma estremamente efficiente, un diagramma di massima bellezza combinato a massima redditività in un’unica forma in stile Brancusi. La geometria dell’edificio rafforza la città e allo stesso tempo la rifugge, dialoga con i famosi vicini Seagram Building, Lever House, AT&T, Racquet Club, tuttavia rimane un’opera  decisamente futuristica”.


di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
425, Park Avenue


Luogo
New York


Progettista
Rem Koolhaas


Progetto
2012


Per ulteriori informazioni
www.oma.eu

 

Nell’immagine di apertura, vista del progetto dall’executive office. © OMA

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico