Architettura e spazio urbano: i nuovi progetti on line

Sono disponibili nuovi progetti nell’Archivio di architetti.com, il catalogo on-line che consente la navigazione all’interno di centinaia di progetti e realizzazioni suddivisi per categorie: spazi intimi (design, arredamento, ecc.), spazi urbani (piazze, parchi, ecc.), spazi pubblici (musei, municipi, uffici, ecc.), spazi residenziali (case a schiera, isolate, tipologie ibride, torri residenziali, ecc.). Ogni progetto è composto da schede descrittive e visualizzazioni per immagini, e la banca dati permette un’indicizzazione per autore, anno di realizzazione, luogo e tipologia. Il catalogo si arricchisce giorno per giorno sia con gli inserimenti di tutti gli architetti che visitano il sito e che offrono la loro disponibilità di pubblicazione, sia con le proposte partecipanti a prestigiosi premi di architettura, quali il Premio Internazionale Architettura Sostenibile, il Premio Domus “Restauro e Conservazione”, il premio IQU (Innovazione e Qualità Urbana), il Premio Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ecc.

 

Per consultare l’archivio progetti devi fare solo una cosa: iscriverti al sito.

 

I nuovi progetti disponibili, in particolare, riguardano:

 

architettura residenziale, con la House for Trees a Ho Chi Minh City, Vietnam, dello studio Vo Trong Nghia Architects, una casa prototipo che riporta gli spazi verdi all’interno della città, ospitando grandi alberi tropicali all’interno delle abitazioni ad alta densità, con l’obiettivo di cambiare una situazione che sta progressivamente discostando le nuove generazioni dal contatto con la natura e le città vietnamite dal loro assetto originario di tentacolari foreste tropicali, e la CUNA House di AQSO arquitectos office, un’architettura residenziale situata a Lorquí, una piccola città nel sud della Spagna circondata da un paesaggio modellato dalle colline, che riprende le caratteristiche dell’architettura tradizionale dell’area mediterranea;

 

architettura museale, con il Danish Maritime Museum a Helsingor, Danimarca, di Bjarke Ingels Group (BIG), un museo sotterraneo, incentrato sulla darsena e ospitato dal vecchio bacino di carenaggio, parzialmente lasciato vuoto in modo da consentire ai visitatori di vivere l’esperienza “fuori scala” di una cantiere navale, e il MAST, Manifattura di Arte Sperimentazione e Tecnologia, a Bologna, di Labics, edificio multifunzionale caratterizzato da due fronti: uno privato e lineare che dialoga con gli edifici esistenti, e uno dal carattere pubblico, che si apre verso la città e il parco;

 

architettura scolastica, con la Nuova scuola primaria di Chiarano, progettata dallo studio trevigiano C+S, un edificio scolastico innovativo, aperto e permeabile per permettere al paesaggio e alla luce di entrare e fluire all’interno degli spazi, e il nuovo Nido d’Infanzia a Guastalla, Reggio Emilia, di Mario Cucinella Architects, pensato per stimolare l’interazione del bambino con lo spazio circostante secondo una visione in cui nulla è lasciato al caso, dalla distribuzione delle aree didattiche alla scelta dei materiali da costruzione, fino all’integrazione tra ambiente interno ed esterno.

 

Nell’immagine, vista del Danish Maritime Museum a Helsingor, Danimarca, di Bjarke Ingels Group (BIG)

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico