Architettura e paesaggio: il nuovo Centro Visite di Stonehenge

Il nuovo Centro Visite di Stonehenge, progettato dall’architetto Denton Corker Marshall, si trova in una conca a pochi chilometri a ovest del sito monumentale, nascosto da quest’ultimo da un crinale boscoso ma ben visibile dalla strada da cui si accede alla zona archeologica. 
Il centro si compone di due box squadrati, uno di vetro e uno rivestito di legno, accomunati da un’unica copertura leggermente inclinata e sorretta da una “selva” di 211 esili pilastri in acciaio.

All’interno del volume rivestito in legno si trovano il museo e servizi igienici, mentre nella parte vetrata sono alloggiati la caffetteria, il negozio e lo spazio educativo.
La copertura, che vuole richiamare i boschetti di alberi che spesso si trovano nella campagna attorno a Stonehenge, si pone in contrasto con i volumi sottostanti per la sua leggerezza, una struttura con fondazioni minime, delicatamente appoggiata su questa terra così ricca dal punto di vista archeologico.

Il centro visite nel suo complesso sembra inserirsi timidamente nel paesaggio, con scelte architettoniche non particolarmente originali o eclatanti, una struttura che segue un linguaggio già acquisito al fine di svolgere in maniera diligente il proprio ruolo, senza rubare la scena alle rocce monumentali, vere protagoniste del sito.

a cura di Simona Ferrioli

SCHEDA PROGETTO

Centro Visite di Stonehenge

Luogo
Stonehenge, Regno Unito

Committente
English Heritage

Progettista
Denton Corker Marshall

Realizzazione
2013

Per ulteriori informazioni
www.dentoncorkermarshall.com

Nell’immagine di apertura, vista dei pilastri che sorreggono la grande copertura. Foto © Peter Cook

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico