Architettura e Design, il focus di Marmomacc 2011

Si è tenuta mercoledì 25 maggio alla Triennale di Milano la conferenza stampa di presentazione degli eventi culturali della 46a edizione di Marmomacc, che si terrà a Veronafiere dal 21 al 24 settembre 2011.

 

Rassegna leader nel mondo con oltre 1500 espositori da 56 Paesi e 56 mila operatori professionali di cui il 48,5% da 132 Paesi nell’edizione 2010 su una superficie netta di 77.782 metri quadrati, Marmomacc si conferma come il più importante e qualificato appuntamento internazionale per la commercializzazione e l’aggiornamento professionale per i comparti del settore: dalla pietra grezza, alle realizzazioni di  design in pietra, dai macchinari, ai prodotti strumentali e agli accessori.
Al fine di promuovere le opportunità di crescita del mercato attraverso gli eventi culturali e le sperimentazioni di alto livello, Marmomacc propone numerose iniziative nelle quali operatori, architetti e designer fanno conoscere la pietra e le sue molteplici applicazioni nella progettazione, nell’arredo di interni ed esterni, frutto di un profondo connubio tra sviluppo della tecnologia e un materiale duttile come la pietra, da sempre presente nella storia delle costruzioni dell’uomo.
Tra tutte spicca sicuramente la 12a edizione del “Premio Internazionale Architetture di Pietra”, la cui giuria, composta da esperti di settore di livello mondiale, assegnerà il riconoscimento agli autori di una serie di interventi sulle grandi istituzioni di importanti città europee, su piccoli spazi urbani o su piccolissime strutture educative, situate in remote aree rurali.

 

Di notevole interesse sarà poi lo spazio dedicato a Marmomacc Meets Design, il cui tema, per questa edizione, sarà “Mutable Spirit”. Il marmo muta. Materiale naturale e “alchemico”, si forma e si trasforma, evolve in lentissima  genesi, assume proprietà e caratteristiche dell’ambiente dove nasce, assorbendone e rappresentandone individualità e unicità. Resistente e stabile, è stato storicamente associato a durata e prestigio, diventando materiale d’elezione di architettura e scultura, alla ricerca dell’immortalità. Oggi tecnologie sempre più avanzate, anche digitali, ne riscoprono l’essenza  intimamente, insospettabilmente adattabile. Il marmo dunque muta ancora. Lo fa questa volta a livello percettivo, rendendosi duttile ad accogliere quello specchio flessibile di un mondo in continua evoluzione che è il design. Nasce da qui l’incontro annualmente proposto a Veronafiere da MMD nell’ambito di Marmomacc. Moduli, complementi, superfici vengono riletti dalla sensibilità dei progettisti allo scopo di affinare logiche sempre più attente anche alle tematiche della sostenibilità. Se da un lato infatti il marmo continua a imporre la sua personalità, chiedendo  di accostarsi alle proprie caratteristiche con una profonda e specifica conoscenza, dall’altra propone infinite variabili – di colore, consistenza, impatto – che rendono possibili altrettante declinazioni. È allora che interviene il fondamentale potenziale di sperimentazione e innovazione offerto dal design.

 

Nasce da qui la sfida proposta quest’anno da MMD a progettisti e aziende, Mutable Spirit: essere tanto flessibili da esaltare il marmo come materiale mutante  e mutevole. Rendendolo, con il loro lavoro, concretamente “mutabile”.
Architetti ed aziende: Patricia Urquiola per Budri, Pietro Ferruccio Laviani per Citco, Setsu & Shinobu Ito per Grassi Pietre, Raffaello Galiotto per Lithos Design, Flavio Albanese per Margraf, Snøhetta/Kjetil Thorsen per Pibamarmi, Marco Piva per Regione Puglia, Philippe Nigro per Testi Fratelli, Giuseppe Fallacara con Politecnico di Bari e Facoltà di Architettura di Budapest per Reneszánsz Köfaragó Zrt, (in attesa di conferma) per Trentino Pietra.

 

Su “Irregolare Eccezionale”, tema di design proposto nella precedente edizione, Marmomacc ha presentato, come ormai di consueto, da tre anni a questa parte, una mostra alla Triennale di Milano che si è svolta nel mese di aprile.

 

Sul fronte della formazione rimane forte l’impegno di Marmomacc nel promuovere una vera “cultura litica”, sia a livello internazionale che nazionale, grazie a due percorsi di  riferimento: la formazione specialistica rivolta agli architetti degli Stati Uniti (AIA, American Institute of Architects), Gran Bretagna (RIBA, l’associazione professionale degli architetti inglesi), Canada (RAIC, l’associazione canadese), Australia (AIA, Australian Institute of Architechts), Sud Africa (SAIA South African Institute of Architects), TexasTech, Facoltà di Architettura di Lubbok (USA), Ungheria (MEK Associazione Ungherese degli Architetti), Francia (Ecole d’Architecture Paris Malaquais).
Anche l’Italia è fortemente impegnata nell’attività formativa che porta avanti attraverso la collaborazione e il sostegno delle università. Ne sono un esempio il master di  2° livello organizzato dal dipartimento di progettazione del Politecnico di Milano e la collaborazione ai corsi di progettazione con la pietra realizzati insieme al Politecnico di Milano, polo regionale di Mantova; la facoltà di Architettura di Ferrara, la facoltà di Ingegneria di Trento, quelle di Architettura di Pescara e del Politecnico di Bari, D.I.C.E.A. Dipartimento di Ingegneria Civile Edile ed Ambientale dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. I risultati della formazione verranno presentati a  Marmomacc nell’ambito di una mostra allestita nell’area espositiva all’interno del padiglione 7B, vicino all’Agorà, spazio dedicato ai convegni e agli incontri didattici.

 

 

SCHEDA EVENTO

 

46° edizione di Marmomacc
Periodo
21/24 settembre 2011, da mercoledì a sabato

 

Luogo
Quartiere fieristico di Verona
V.le del Lavoro 8 – 37135 Verona
Tel. +39 045 8298111
Fax +39 045 8298221

 

Orario
Orario continuato dalle 9.30 alle 18.00

 

Organizzazione
Ente Autonomo Fiere di Verona

 

Per ulteriori informazioni
Veronafiere
Tel + 39 045.829.82.42 – 82.85
Fax + 39 045.829.81.13
E-mail: pressoffice@veronafiere.it
www.veronafiere.it
www.marmomacc.com

 

Nell’immagine, una creazione di Lithos Design allestita in occasione di Marmomacc 2010

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico