Architettura e arte ‘between the lines’ tra i progetti vincitori di Building of the Year 2012

Reading between the lines, ovvero occorre saper leggere tra le righe per capire il poetico progetto vincitore, per la categoria Religious Architecture, del premio “Building of the year 2012” bandito dal portale di architettura Archdaily. La chiesa progettata dallo studio belga Gijs Van Vaerenbergh offre l’opportunità di riflettere sui temi dell’architettura e dell’arte.

 

L’opera si trova nella campagna belga nella provincia di Limburg e fa parte di un progetto denominato “PIT”, una serie di installazioni artistiche promosse dalla regione che vede coinvolti dieci artisti locali. L’iniziativa partita nel 2011 e realizzata in partnership con Z33, il museo di arte contemporanea di Hasselt, si svolge in vari luoghi pubblici della zona e terminerà nel 2016.


Readig between the lines riassume in un solo progetto arte, architettura, paesaggio, tradizione e modernità. Trenta tonnellate di acciaio compongono la figura sfocata di una chiesetta dall’aspetto vernacolare. L’acciaio è stato utilizzato sotto forma di moduli piatti ed elementi distanziatori che assemblati uno sull’altro in maniera sfalsata compongono l’intera struttura.

 

Nonostante la scelta di un materiale così pesante i progettisti sono riusciti a creare un’architettura dall’aspetto leggero, un’opera che si fonde con il paesaggio circostante quasi dissolvendosi e che riesce a ribaltare completamente il rapporto con esso non appena ci si posizioni al suo interno: da questa prospettiva la chiesa diventa un filtro attraverso cui guardare il paesaggio intorno riuscendolo a leggere tra le righe della struttura.


Gijs Van Vaerenbergh è una partnership nata tra gli architetti Pieterjan Gijs e Arnout Van Vaerenbergh. Entrambi originari di Lovanio, collaborano dal 2007 dedicandosi soprattutto ad installazioni e progetti sperimentali di forte impatto sul pubblico.


di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
Readig between the lines


Luogo
Borgloon, Limburg, Belgio


Progettisti
Gijs Van Vaerenbergh


Data
2011


Per ulteriori informazioni
www.gijsvanvaerenbergh.com
www.z33.be

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’installazione che richiama la chiesa del paese retrostante. Foto © Filip Dujardin

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico