Architettura contemporanea, Max Dudler a Thinking Varese

Il secondo appuntamento del ciclo di conferenze Thinking Varese 2015, dopo l’incontro con Piero Lissoni, ha per protagonista Max Dudler. Per il quarto anno consecutivo, l’Ordine degli Architetti di Varese mette al centro la figura dell’architetto attraverso personalità di spicco per promuovere e diffondere la cultura della qualità architettonica e della progettazione.

 

Le città ed i progetti, gli edifici, le infrastrutture, testimoniano nel tempo le trasformazioni della vita sociale, dell’economia, delle attività produttive, si adattano e si plasmano sui diversificati bisogni dell’umanità che le vive e al contempo ne vengono plasmate. È in questo contesto in continuo divenire che la figura dell’architetto opera, in una sorta di colloquio silenzioso tra l’ambiente circostante, le attese dei committenti, i valori e i bisogni che il vivere urbano esprime, mediando le esigenze di efficienza, di sicurezza e di funzionalità con la qualità del progetto architettonico.

 

Nell’anno di Expo diventa particolarmente significativo il ricco calendario di appuntamenti che vede ospiti e progetti di respiro internazionale proporsi nella dimensione locale, spiegare e raccontare l’origine delle loro idee e condurre il pubblico attraverso le varie fasi della loro progettualità.

 

Il secondo incontro si terrà il prossimo mercoledì 18 febbraio con una lecture tenuta da Max Dudler, architetto di origine elvetica con studi a Berlino, Zurigo e Francoforte sul Meno. Il suo lavoro di progettazione architettonica si alterna con l’impegno nell’insegnamento in varie università europee, a Venezia, Mantova, Dortmund, Vienna e Bologna.


Scarica la locandina della conferenza


Max Dudler (Alterhein, Svizzera) si forma presso la Städel Schule di Francoforte con Günter Bock e all’Accademia di Belle Arti di Berlino con Ludwig Leo. Dal 1981 al 1986 ha lavorato come architetto nello studio di Oswald Mathias Ungers, partecipando a numerosi e importanti progetti, tra i quali la Messehaus 9, il grattacielo alla Fiera di Francoforte e il Kulturforum di Berlino.
Nel 1986 avvia l’attività di uno studio a Francoforte sul Meno, insieme al fratello Karl e a Pete Welbergen. Nel 1992 apre gli studi di Berlino, Zurigo e Francoforte sul Meno.
Dal 2004 è professore di Baukunst alla Kunstakademie di Düsseldorf. Tra i suoi progetti più recenti ricordiamo lo “Jacob-und-Wilhelm-GrimmZentrum” a Berlino, il Castello di Hambach a Neustadt an der Weinstraße, la Europaallee a Zurigo, la Folkwang Bibliothek a Essen, il nuovo centro visitatori del castello di Heidelberg, il gruppo di torri in Hagenholzstrasse e il centro visitatori del castello Sparrenburg a Bielefeld.
Il castello di Hambach ha ottenuto nel 2012 il “DAM Preis für Architektur in Deutschland 2012” e il “Deutsch Natursteinpreis”; nel 2013 il centro visitatori del castello di Heidelberg l‘International Award Architecture in Stone” 48a MARMOMACC e nel 2014 il “Hugo-Häring-Auszeichnung”
.


SCHEDA EVENTO
Thinking Varese 2015
Max Dudler


Luogo
Villa Panza
Piazza Litta 1
Varese


Data
mercoledì 18 febbraio 2015


Orario
ore 21.00


Per ulteriori informazioni
Ordine Architetti Varese
via Gradisca 4
21100 Varese
Tel. 0332 812601
E-mail: segreteria@ordinearchitettivarese.eu
www.ordinearchitettivarese.it

 

Nell’immagine di apertura, Max Dudler, complesso residenziale Giessen, Meilen, Svizzera. Foto © Stefan Müller

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico