Architettura contemporanea e preesistenze, Museo de la Semana Santa di Exit Architects

Il nuovo Museo de la Semana Santa, ideato da Exit Architects, è il progetto vincitore del concorso bandito dalla municipalità di Hellin per creare nel centro della città un nuovo edificio che inglobasse al proprio interno il restauro del vecchio edificio della “Casa del Conde”.

 

Durante la fase concorsuale il progetto dello studio madrileno ha tenuto conto di questa esplicita richiesta ma nella fase esecutiva, a seguito di un rilevo accurato in cui si è constatata l’impossibilità di preservare integralmente il vecchio edificio, i progettisti hanno optato per consolidare e conservarne soltanto le facciate policrome ed alcuni elementi puntuali di valore che sono stai poi inglobati nel nuovo progetto.
In questo modo la facciata è stata convertita da elemento costruttivo a oggetto decorativo, una sorta di tela ornata esposta alla stessa maniera delle opere che il museo ospita.

 

La facciata gioco il ruolo di connessione tra il nuovo museo e il suo intorno, crea un dialogo con la vicina chiesa dell’Asunciòn, con la piazza adiacente e in generale con la storia e la tradizione collettiva della città.
Il museo segue parzialmente il sedime della Casa del Conde e arretra rispetto alla facciata ricostruita, creando una piccola piazza che serve da ingresso al museo stesso e media il passaggio di scala tra vecchio e nuovo.


Il progetto è molto attento al dialogo con le preesistenze e utilizza sia materiali locali, che richiamano l’architettura del centro antico, sia un linguaggio contemporaneo basato su materiali puri come il calcestruzzo che abbinato a grandi volumi scultorei in legno definisce la qualità spaziale degli interni.


a cura di Simona Ferrioli


SCHEDA PROGETTO
Museo de la Semana Santa


Luogo
Hellin


Progettisti
Exit Architects


Data
2013


Per ulteriori informazioni
exit-architects.com

 

Nell’immagine di apertura, vista notturna dell’ingresso al museo. © Exit Architects

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico