Architettura contemporanea e città storica: C+S Architects a Venezia

Il progetto dello studio C+S Architects per il nuovo tribunale di Venezia è un edificio che si inserisce nella complessità del sistema urbano veneziano in uno dei punti più delicati della città lagunare; affacciato su Piazzale Roma, l’unico ingresso carrabile alla città, converte l’area ad un uso contemporaneo sia attraverso un nuovo edificio che mediante il recupero del fabbricato esistente dell’ex Manifattura Tabacchi.

 

Il nuovo volume è uno spazio verticale, un edifico alto cinque piani, la cui forma semplice e compatta, secondo gli architetti, deriva dalla commistione tra manipolazione della tipologia edilizia industriale veneziana e lo skyline dei grandi parcheggi multipiano adiacenti.
L’ingresso è segnalato dal volume a sbalzo dell’edificio che sembra slittare in maniera uniforme sulla propria base, mentre all’interno una lunga scala lineare corre parallela al prospetto verso i parcheggi, consentendo di giocare con le aperture che lasciano entrare la splendida luce naturale veneziana.

 

La pelle esterna del fabbricato utilizza un sistema di rivestimento in rame preossidato in omaggio al materiale abitualmente utilizzato a Venezia per le coperture degli edifici istituzionali, sia religiosi che laici, testimoniando la volontà del progetto di costituire una metafora, in cui la casa della giustizia è un grande tetto monomaterico che accoglie i cittadini all’interno di uno spazio in cui la luce prevale.

 

a cura di Simona Ferrioli

 

SCHEDA PROGETTO

 

Tribunale di Venezia

 

Luogo
Venezia

 

Committente
Comune di Venezia

 

Progettisti
C+S Architects
Carlo Cappai, Maria Alessandra Segantini

 

Design Team
Davide Testi, Barbara Acciari, Monica Moro

 

Cronologia
concorso: 1999
progettazione: 1999-2002
realizzazione: 2002-2012

 

Per ulteriori informazioni
web.cipiuesse.it

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’ingresso principale. Foto © Alessandra Bello

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico