Architettura, città, paesaggio: i nuovi progetti su architetti.com

Sono disponibili nuovi progetti nell’Archivio di architetti.com, il catalogo on-line che consente la navigazione all’interno di centinaia di progetti e realizzazioni suddivisi per categorie: spazi intimi (design, arredamento, ecc.), spazi urbani (piazze, parchi, ecc.), spazi pubblici (musei, municipi, uffici, ecc.), spazi residenziali (case a schiera, isolate, tipologie ibride, torri residenziali, ecc.). Ogni progetto è composto da schede descrittive e visualizzazioni per immagini, e la banca dati permette un’indicizzazione per autore, anno di realizzazione, luogo e tipologia. Il catalogo si arricchisce giorno per giorno sia con gli inserimenti di tutti gli architetti che visitano il sito e che offrono la loro disponibilità di pubblicazione, sia con le proposte partecipanti a prestigiosi premi di architettura, quali il Premio Internazionale Architettura Sostenibile, il Premio Domus “Restauro e Conservazione”, il premio IQU (Innovazione e Qualità Urbana), il Premio Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ecc.

 

Per consultare l’archivio progetti devi fare solo una cosa: iscriverti al sito.
Iscriviti ad Architetti.com. È gratis.

 

I nuovi progetti disponibili, in particolare, riguardano:
architettura residenziale, con la Summerhouse a Lagnö, Svezia, dello studio Tham & Videgard Arkitekter, un’abitazione suddivisa in due volumi “uniti” da un vuoto centrale che lascia filtrare il paesaggio attraverso l’architettura fortemente materica, ispirata alla roccia granitica su cui sorge; e la House D dello studio  HHF Architects, immersa nel paesaggio svizzero, nel cantone di Solothurn, realizzata all’insegna della semplicità attraverso scelte materiche e compositive che valorizzano le potenzialità del sito con pochi semplici accorgimenti progettuali;

 

spazio urbano, con il progetto dello studio BIG – Bjarke Ingels Group per l’Hellerup High School Gymnasium, uno spazio pubblico polifunzionale versatile e fluido caratterizzato da una grande copertura ondulata in legno che diviene la grande piazza sopraelevata dedicata agli studenti;

 

edifici pubblici, con la nuova biblioteca di Birmingham dello studio Mecanoo, un edificio in vetro trasparente ma caratterizzato da grande efficienza energetica, la cui delicata pelle filigranata si ispira alla tradizione artigianale della città e il cui spazio interno si articola in otto spazi circolari funzionali all’ottimizzazione dei percorsi di distribuzione e all’illuminazione e ventilazione naturale;

 

natura e paesaggio, con il progetto GASP, Glenorchy Art & Sculpture Park, a Glenorchy, Australia, dello studio Room11, in cui  in cui il confine tra architettura e paesaggio si dissolve in lunga passerella in legno che definisce un percorso di collegamento tra edifici esistenti, spazi aperti e nuovi padiglioni;

 

architettura temporanea, con il progetto di Foster & Partner per il Padiglione degli Emirati Arabi Uniti all’interno di Expo 2015, una struttura che evoca una città del deserto, portando il visitatore all’interno di un viaggio nella sostenibilità che trova le proprie radici nella tradizione. Il progetto mira ad ottenere la certificazione LEED Platinum attraverso una progettazione che combina principi passivi di risparmio energetico e tecniche attive, ed è stato progettato per essere riciclato e ricostruito negli Emirati Arabi Uniti dopo l’Expo.

 

Nell’immagine, il progetto GASP, Glenorchy Art & Sculpture Park, a Glenorchy, Australia, dello studio Room11. Foto © Ben Hosking

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico